QUIZ GRATUITO: Quanto è forte la tua azienda su Google?

Come si scrive la scheda prodotto di un e-commerce - background

Come si scrive la scheda prodotto di un e-commerce?

Introduzione

La scheda prodotto di un e-commerce ha un obiettivo chiaro: convincere le persone ad acquistare. Quindi dovrebbe essere dettagliata, informare e incuriosire – un mix perfetto di immagini e di testo persuasivo – ma, nella realtà, è una delle pagine più trascurate da chi gestisce shop online. Molte schede di questo tipo infatti sono scarne e poco interessanti o – peggio! – sono un semplice copia incolla di testi presi altrove. Come scrivere pagine prodotto persuasive ed evitare alcuni errori tipici? Ecco 3 consigli per ottimizzare i testi delle tue schede prodotto e convincere le persone ad acquistare.

1 – Scrivi testi unici e originali per ogni scheda = no al copia incolla

Copiare testi di altri siti o di altre schede prodotto all’interno dello stesso e-commerce è un errore comune a molti shop online. A volte accade per la fretta di dover pubblicare tanti prodotti in poco tempo, in altri casi chi carica i prodotti non sa cosa scrivere, perché gli articoli sono molto simili fra loro. Spesso succede perché l’e-commerce è multimarca e chi lo gestisce pensa che sia più sicuro copiare direttamente la descrizione presente sul sito del Brand. In generale questo errore è tipico di chi non conosce l’ottimizzazione per i motori di ricerca e non sa che usare lo stesso testo su più pagine web può mettere in serio pericolo il posizionamento SEO del sito, perché Google penalizza i contenuti duplicati. Inoltre, copiare testi di altri siti è una violazione del diritto d’autore. Scrivere schede prodotto originali ed evitare il contenuto duplicato è possibile, basta differenziare. La struttura del testo può rimanere la stessa – titolo, descrizione generale, caratteristiche, personalizzazioni, prezzo – ma ogni prodotto va presentato con parole diverse.

Facciamo un esempio

L’e-commerce XYZ vende solo pentole a pressione. È uno shop online multimarca, dove acquistare prodotti di Brand famosi e pentole a pressione senza marchio. Quindi i prodotti sono molto simili fra loro, hanno la stessa funzione e devono rispettare gli stessi standard di sicurezza. Se la pentola a pressione da descrivere è di marca, la prima cosa da fare è citare nel testo il nome del Brand e nel caso anche il nome della linea di prodotto. Ma questo non basta a distinguere le pentole dello stesso produttore, quindi è sempre utile cercare tra i materiali informativi che le grandi case produttrici mettono a disposizione per capire se i prodotti in questione hanno caratteristiche particolari e riportarle nel testo descrittivo. I prodotti senza marca, invece, sono anonimi e più difficili da differenziare. Il consiglio in questo caso è di usare sinonimi, riscrivere il testo con parole diverse e fare esempi legati all’uso: “pentola a pressione ideale per 2 o 3 persone, cuoce cibi sani in poco tempo” per un prodotto e “pentola a pressione per chi non ha tempo di cucinare e vuole mangiare sano, indicata per 2-3 persone” per un altro con le stesse caratteristiche.

I testi sono importanti non solo per la SEO, come vedremo a breve, ma anche per le campagne Google Ads. Infatti un testo (e in generale una scheda prodotto) in grado di raccontare adeguatamente il prodotto, sono tra gli elementi spesso più importanti e più sottovalutati nelle attività di CRO, ovvero per migliorare il tasso di conversione, e quindi il numero di conversioni di un sito, senza ottenere traffico in più. Una manna sia per la SEO che per i risultati di un’agenzia Google Ads.

2 – Usa le keyword giuste: SEO copywriting per le schede prodotto

Le parole chiave servono a posizionare le schede prodotto di un e-commerce sui motori di ricerca, ma quali scegliere se gli articoli sono pressoché identici? Anche in questo caso dovremmo distinguere tra prodotti di Brand noti e prodotti non di marca. Se la marca è conosciuta è molto probabile che le persone cerchino su Google il nome del prodotto associato al nome Brand. Torniamo al nostro esempio delle pentole a pressione. Chi vuole acquistare una Lagostina – noto marchio del settore – molto probabilmente cercherà pentola a pressione Lagostina, se ha bisogno di quella da 5 litri quasi certamente digiterà pentola a pressione Lagostina 5 litri. Se il prodotto non è di marca, invece, le persone faranno una ricerca più generica e incentrata sulle caratteristiche tecniche, nel nostro esempio: pentola a pressione 5 litri, pentola a pressione per 4 persone e così via. Scegliere le keyword più pertinenti e adatte al singolo prodotto aiuta in molti modi: per i i risultati SEO, per differenziare le schede ed evitare contenuti duplicati, per facilitare le scelte di acquisto di chi naviga sull’e-commerce.

3 – Descrivi, coinvolgi e portali a cliccare su “aggiungi al carrello”

Immagina di entrare in un negozio. Pensa a quando passeggi tra gli scaffali, lo sguardo attirato da un colore o da un tessuto lavorato a mano. Tocchi i prodotti, saggi la qualità dei materiali, leggi e confronti le descrizioni, ascolti la musica in filodiffusione. Se hai dei dubbi fra due articoli, chiedi informazioni ai commessi. Hai il controllo di tutti i tuoi sensi – vista, udito, tatto, olfatto e in alcuni casi anche del gusto – e ti muovi nello spazio a 360 gradi. L’acquisto in un negozio fisico è un’esperienza a tutto tondo. Sul web è diverso. Rispetto ad un negozio tradizionale, lo shop online ha molti più vincoli sensoriali – puoi fare leva solo sulla vista – e non c’è un commesso esperto che può rassicurare il cliente dubbioso. Quindi per scrivere i una pagina prodotto efficace, bisogna sopperire alla mancanza, progettando un testo che sappia rispondere in anticipo alle domande, descrivere nei minimi dettagli il prodotto – materiali, peso, colori, dimensioni – e spiegare come si usa – ma anche come non si usa -, quando è indicato e quando no.

Facciamo un esempio

Immaginiamo di scrivere la scheda prodotto di una pentola a pressione da 5 litri senza marca. Dalla ricerca keyword e dallo studio degli intenti di ricerca sappiamo che le persone vogliono essere certe che la pentola sia sicura, vogliono conoscere i tempi di cottura dei cibi, sapere come funziona, quali accessori ha e quali ricette cucinare. Il testo della nostra scheda potrebbe essere simile a questo:

  1. Il titolo, che contiene la keyword e descrive:
    Pentola a pressione da 5 litri per 3-4 persone
  2. Un testo di presentazione, che deve essere utile, incuriosire e contenere la keyword:
    La cucina è la tua passione ma sei sempre di corsa? Bolliti, verdure, brodo, purè: non rinunciare alle tue ricette preferite. Con questa pentola a pressione da 5 litri in acciaio inossidabile e certificata ritroverai il piacere di cucinare cibi sani e fatti in casa.
  3. Caratteristiche del prodotto e accessori, qui entriamo nei dettagli:
    Pentola a pressione da 5 litri indicata per 3-4 persone
    Materiali: acciaio inossidabile, fondo a 3 strati (acciaio-alluminio-acciaio) per distribuire il calore in modo uniforme, maniglie antiscottatura
    Adatta sia alla cottura su fiamma che su piani a induzione
    Si lava a mano o in lavastoviglie
    Accessori: coperchio, valvola di sicurezza e cestello sono inclusi
  4. Come si usa e manutenzione del prodotto:
    È qui che testi e immagini si fondono alla perfezione. Da un lato, raccontiamo a parole come si usa la pentola, quali precauzioni prendere per evitare scottature e come mantenerla ben funzionante nel tempo. Dall’altro possiamo inserire immagini e video, che insieme alla descrizione, fugheranno tutti i dubbi del potenziale cliente.
  5. Quanto costa e come acquistare:
    Il prezzo è importante, ma lo sono anche le condizioni di acquisto: resi, tempi di consegna, spedizione, quantità sono informazioni fondamentali, che se presentate in modo chiaro e dettagliato possono fare la differenza tra un carrello abbandonato ed un acquisto andato a buon fine.

Prendi spunto dai grandi Brand

Se ancora hai dei dubbi, lasciati ispirare dagli e-commerce dei grandi Brand: IKEA.COM – Essenziale, ricchissimo di informazioni e personalizzazioni, il sito di IKEA ha tutto quello che un e-commerce dovrebbe avere. Quando navighi tra le schede prodotto dello shop online ti sembra di camminare fra gli ambienti e le scansie del negozio vero. LUSH – L’e-commerce di Lush è un capolavoro di copy persuasivo e ironia. Descrizioni dettagliate, elenco degli ingredienti, recensioni: Lush ha pensato a tutto, anche al racconto di come vengono prodotti alcuni degli ingredienti che usa. LOUIS VUITTON – Louis Vuitton dà del lei, non ha un carrello ma una shopping bag. Le immagini catturano l’occhio, i testi descrivono, discreti e precisi. Navighi lo shop online e hai la sensazione che tutto sia dove dovrebbe essere, come dovrebbe essere. ZALANDO – Quando si parla di e-commerce, un pensiero va sempre a Zalando, che ha saputo portare la tecnica e l’esperienza di acquisto ad un altro livello, sbaragliando la concorrenza nel settore consumer fashion. C’è sempre da imparare qualcosa dai diversi team che lavorano su Zalando, sia essa di natura tecnica o di avvicinamento al compratore, quindi di esperienza di acquisto e di navigazione del sito.

Qualche riga sull'autore

Sibilla Garulli

Sibilla Garulli

Ho il pallino per le materie tecniche e per la divulgazione. Dopo il Liceo, infatti, mi sono iscritta a Economia Aziendale per imparare concetti difficili e tradurli con parole semplici. Era il 2001. Allora non sapevo ancora chi fossero i copywriter, ma scrivere mi era sempre piaciuto e così, una volta laureata in Economia e poi in Studi Europei, sono approdata in agenzia di comunicazione a lavorare come account e copywriter. Colpo di fulmine ed una grande fortuna. Ho partecipato ai brainstorming, alla creazione delle campagne pubblicitarie, ho scritto brochure, cataloghi, spot radio, mailing ai clienti, headline, payoff, bodyline.

Iscriviti alla nostra Newsletter, riceverai una Guida gratuita!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la Guida Google Ads: un manuale scritto per chi vuole iniziare a fare pubblicità su Google e non sa da dove iniziare. Ti manderemo al massimo una mail a settimana per promuovere gli articoli del nostro blog ed eventuali iniziative commerciali.

Articoli correlati

search-icon-def

Cerca tra gli articoli del Blog

Trova gli sprechi della tua campagna!

Vuoi sapere quanti sprechi potresti eliminare dalla tua campagna? Basta compilare il nostro quiz e ricevere gratuitamente la Checklist!